Crea sito

Sogno del 13 04 2015

Sogno del 13 04 2015 – Era giorno e camminavo sul marciapiede di fronte a quello della casa di una zia di mia madre in via Poerio a Lizzano (TA), zia Cosima di zio Cosimino, non andavo verso il centro del paese, ma dall’altra parte verso la salita, avevo da poco superato la casa della mamma di Tiziana amica di mia sorella Carmela e  alla mia sinistra a casa della zia era il portone aperto e si vedeva l’interno del garage e oltre la sala e la cucina.

Sogno della Zia

Sogno della Zia

C’era la zia di spalle, e le mie intenzioni erano quelle di passare oltre senza salutare, ma lei subito si è voltata e mi ha chiamato… Tony… e io mi son fermato l’ho guardata e ho detto: ciao zia. E lei: io sto partendo sai?… e io attraversando la strada e avvicinandomi a lei gli dico: ma dove parti alla tua età? (sapendo che è molto anziana, vedova e che l’unico figlio che ha, abita sopra di lei al primo piano e sapendo dentro di me che la zia è morta). E lei mi sorride e col volto in lacrime mi abbraccia e mi dice: tu lo sai… grazie.

La zia è morta da alcuni anni ormai. Ma non pensavo a lei. Però ultimamente ho pregato tanto per le anime del purgatorio. Lo Spirito mi porta a capire che quelle preghiere sono servite anche a lei. Evidentemente era nel purgatorio la zia, e il Signore nella Sua infinita bontà ha voluto compensare il suo servo con un atto di infinita bontà fortificando il mio spirito, dimostrandomi quanto sia efficace la preghiera e che essi ci ringraziano e intercedono per noi e ci fanno più forti. Ora la zia è in Cielo… te beata…. e io quando mio Signore?…. resto quì a consumarmi nel pianto e a sentirmi solo, odiato da tutti, per primo dai miei cari. O Signore, grazie di questo conforto. Io t’amo, io t’amo, io t’amo….

sogno sogno sogno sogno sogno sogno sogno sogno sogno sogno sogno