Crea sito

Messaggi Medjugorje 1984

1984


2 gennaio: “Perché avete smesso di pregare la preghiera allo Spirito Santo prima della Messa? Vi avevo
chiesto di pregare sempre e in ogni periodo dell’anno lo Spirito Santo affinché si effonda su di voi.
Riprendete quindi questa preghiera”.


13 gennaio: “La Messa è la forma più alta di preghiera. Non riuscirete mai a capirne la grandezza. Perciò
siate umili e rispettosi durante la celebrazione e preparatevi a essa con molta cura. Vi raccomando di
partecipare tutti i giorni alla Messa”.


15 gennaio: “Molti vengono qui a Medjugorje per chiedere a Dio la guarigione fisica, ma alcuni di loro
vivono nel peccato. Costoro non comprendono che devono cercare innanzitutto la salute dell’anima, che è
la più importante, e purificarsi. Essi dovrebbero, per prima cosa, confessarsi e rinunciare al peccato. Poi
potranno implorare la guarigione”.


23 gennaio: “Continuate a pregare. Non fate ritornare in voi l’uomo vecchio. Non soffocate lo Spirito Santo.
Al mattino alzatevi più presto per poter pregare di più e meglio. Scegliete poi un giorno della settimana e
dedicatelo ai poveri e agli ammalati: non dimenticateli”.


27 gennaio: “Pregate e digiunate. Desidero che approfondiate continuamente la vostra vita di preghiera.
Ogni mattina in famiglia rinnovate le preghiere di consacrazione ai sacri Cuori di Gesù e di Maria. Pregate
ogni giorno l’Angelus, il Credo, cinque Pater, Ave e Gloria in onore della passione di Gesù, un sesto per il
nostro Santo Padre, il Papa, e un settimo per l’effusione dello Spirito Santo su di voi. Poi la preghiera di
invocazione dello Spirito Santo. Se vi è possibile, pregate anche il Rosario”.


30 gennaio: “Pregate. Desidero purificare i vostri cuori nella preghiera. La preghiera è indispensabile
perché Dio vi dona le sue grazie quando pregate”.


31 gennaio: “Quando pregate non pensate a nient’altro se non a quello per cui pregate. Così la vostra
preghiera sarà migliore”.


1 febbraio: “Ora piove e voi dite: “Perché piove tanto? Perché non smette di piovere? Non si può andare in
chiesa con tutto questo fango per la strada”. Non dite mai più così. Avete pregato tanto Dio che vi
mandasse la pioggia che feconda la terra. Ora non dovete rivoltarvi contro la benedizione di Dio. Dovete
piuttosto ringraziarlo con la preghiera e il digiuno”.


2 febbraio: “Pregate, perché ho bisogno di più preghiere. Riconciliatevi e abbiate più amore gli uni per gli
altri, come fratelli. Desidero che in voi fiorisca la preghiera, la pace e l’amore”.


3 febbraio: “Ogni persona adulta è in grado di conoscere Dio. Il peccato del mondo consiste in questo: che
non cerca affatto Dio. Per coloro che adesso dicono di non credere in Dio, quanto sarà duro allorché si
avvicineranno al trono dell’Altissimo per sentirsi condannare all’inferno”.


4 febbraio: “Io ti do il mio cuore, perché tu lo dia agli altri”.


9 febbraio: “Pregate. Pregate. Molte persone hanno abbandonato Gesù per seguire altre religioni o sette
religiose. Si fabbricano i loro dei e adorano i loro idoli. Come soffro per questo. Quanti miscredenti ci sono.
Quando riuscirò a convertire anche loro? Potrò riuscirci soltanto se mi aiuterete con le vostre preghiere”.


10 febbraio: “Pregate e digiunate. Desidero che siate umili, ma non potrete diventarlo se non con la
preghiera e il digiuno”.


13 febbraio: “Digiunate e pregate. Datemi i vostri cuori. Desidero rinnovarli. Desidero che siano puri”.


15 febbraio: “Il vento è il mio segno. Quando il vento soffia sappiate che io sono con voi”.


19 febbraio: “Voi dovete rispettare la religione di tutti, ma anche conservare a ogni costo la fede cattolica
per voi e per i vostri figli”.


23 febbraio: “Vi tengo tutti sulle mie braccia. Desidero essere per voi tutto e che voi siate tutti miei. Ma ho
bisogno delle vostre preghiere perché mi possiate appartenere completamente”.


25 febbraio: “Il peccato del mondo è quello di non interessarsi a Dio. L’uomo è capace di conoscere
l’esistenza di Dio. Tutti sono chiamati a cercare Dio e a realizzare ciò che Lui vuole”.


26 febbraio: “Pregate e digiunate. Sappiate che vi amo e vi tengo tutti sulle mie ginocchia”.


28 febbraio: “Pregate. Vi può sembrare strano che io parli sempre di preghiera. Tuttavia vi ripeto: pregate.
Non esitate. Nel Vangelo avete letto: “Non affannatevi per il domani… A ciascun giorno basta la sua pena”.
Non preoccupatevi dunque per il futuro. Limitatevi a pregare e io, vostra Madre, mi prenderò cura di tutto il
resto”.


29 febbraio: “Desidero che vi riuniate in chiesa ogni giovedì per adorare mio Figlio Gesù. Lì, davanti al
Santissimo Sacramento, rileggete il capitolo sesto del Vangelo secondo Matteo dal punto in cui si dice:
“Nessuno può servire a due padroni…”. Se non vi è possibile venire in chiesa, rileggete quel brano nelle
vostre case. Ogni giovedì, inoltre, ciascuno di voi trovi il modo di fare anche qualche sacrificio: chi fuma non
fumi, chi beve alcool se ne astenga. Ognuno rinunci a qualcosa che gli piace particolarmente”.


I Messaggi ufficiali alla Parrocchia attraverso la veggente Marija
(dal 1° marzo 1984)


1984


1 marzo: “Cari figli, io ho scelto in modo speciale questa parrocchia ed è mio desiderio guidarla. Con amore
la proteggo e desidero che tutti siano miei. Grazie per essere venuti qui, questa sera. Desidero che vi
troviate sempre più numerosi con me e con mio Figlio. Ogni giovedì darò un messaggio particolare per voi”.


8 marzo: “Grazie per aver accolto il mio invito. Cari figli, convertitevi, voi nella parrocchia: questo è il mio
secondo desiderio. Così aiuterete a convertirsi tutti coloro che verranno qui”.


15 marzo: “Anche questa sera, cari figli, vi sono particolarmente riconoscente per essere venuti qui.
Adorate senza interruzione il Santissimo Sacramento dell’altare. Io sono sempre presente, quando i fedeli
sono in adorazione. In quel momento si ottengono grazie particolari”.


22 marzo: “Cari figli, questa sera vi invito in particolare a onorare, durante la Quaresima, le piaghe che il
mio Figlio ha ricevuto per i peccati di questa parrocchia. Unitevi alle mie preghiere per la parrocchia, perché
le piaghe gli siano sopportabili. Grazie per aver risposto alla mia chiamata. Continuate a venire sempre più
numerosi”.


29 marzo: “Cari figli, desidero in particolare invitarvi questa sera a essere perseveranti nelle prove.
Considerate quanto l’Onnipotente ancora oggi soffre a causa dei vostri peccati. Per questo, quando avrete
delle sofferenze, offritele in sacrifico a Dio. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


5 aprile: “Cari figli, questa sera vi chiedo in particolare di onorare il Cuore del mio Figlio Gesù. Pensate alle
ferite inferte al Cuore di mio Figlio, quel Cuore offeso con tanti peccati. Questo Cuore viene ferito da ogni
peccato grave. Grazie per essere venuti questa sera”.


12 aprile: “Cari figli, oggi vi prego di cessare le critiche e di pregare per l’unità della parrocchia, poiché io e
mio Figlio abbiamo un progetto speciale su questa parrocchia. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


19 aprile: “Cari figli, abbiate i miei stessi sentimenti. Pregate, pregate, pregate”.


30 aprile: La veggente Marija chiede alla Madonna perché il precedente giovedì, 26 aprile, non abbia dato
alcun messaggio per la parrocchia e la Vergine risponde: “Non voglio costringere nessuno a fare ciò che
non sente e non desidera da sé, sebbene io abbia avuto per la parrocchia messaggi particolari, con i quali
volevo risvegliare la fede di ogni credente. Purtroppo un numero molto esiguo ha accolto i messaggi del
giovedì. All’inizio erano parecchi. Ma poi è diventata come un’abitudine. E ora, in quest’ultimo periodo, molti
chiedono dei messaggi soltanto per curiosità, e non per fede e per devozione verso mio Figlio e verso me”.


10 maggio: Dopo aver taciuto anche giovedì 3 maggio, la Madonna riprende a parlare: “Io vi parlo, e
desidero parlarvi anche in avvenire. Voi però cercate di ascoltare i miei consigli”.


17 maggio: “Cari figli, oggi sono molto felice, perché ci sono tanti che desiderano consacrarsi a me. Vi
ringrazio. Non vi siete ingannati. Mio Figlio Gesù Cristo desidera, per mio tramite, concedervi grazie
particolari. Mio Figlio gioisce se vi affidate a Lui. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


24 maggio: “Cari figli, ve l’ho già detto che vi ho scelti in modo particolare, così come siete. Io sono la
Madonna che vi ama tutti. In ogni istante, quando avete delle difficoltà, non abbiate paura, poiché io vi amo
anche quando siete lontani da me e da mio Figlio. Vi prego, non permettete che il mio Cuore pianga lacrime
di sangue per le anime che si perdono nel peccato. Perciò, cari figli, pregate, pregate, pregate. Grazie per
aver risposto alla mia chiamata”.


2 giugno: “Cari figli, questa sera vi voglio dire che durante questa novena (di Pentecoste) preghiate per
l’effusione dello Spirito Santo sulle vostre famiglie e sulla vostra parrocchia. Pregate, non ve ne pentirete.
Dio vi darà dei doni, coi quali lo glorificherete fino al termine della vostra vita terrena. Grazie per aver
risposto alla mia chiamata”.


9 giugno: “Cari figli, domani sera (nella festa di Pentecoste) pregate per avere lo Spirito di verità.
Particolarmente voi della parrocchia, perché a voi è necessario lo Spirito di verità, in modo che possiate
trasmettere i messaggi così come sono, non aggiungendo, né togliendo alcunché: così come io li ho dati.
Pregate perché lo Spirito Santo vi ispiri lo spirito di preghiera, per pregare di più. Io, che sono la vostra
Mamma, mi accorgo che pregate poco. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


21 giugno: “Pregate, pregate, pregate. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


5 luglio: “Cari figli, oggi voglio dirvi di pregare prima di ogni occupazione, e di terminare ogni vostro lavoro
con la preghiera. Se farete così, Dio benedirà voi e il vostro lavoro. In questi giorni voi pregate poco, mentre
invece lavorate molto. Perciò pregate. Nella preghiera troverete sollievo. Grazie per aver risposto alla mia
chiamata”.


12 luglio: “Cari figli, in questi giorni Satana cerca di ostacolare i miei progetti. Pregate affinché non si
realizzi il suo disegno. Io pregherò mio Figlio Gesù perché vi conceda la grazia di sperimentare, nella prova
di Satana, la vittoria di Gesù. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


19 luglio: “Cari figli, in questi giorni avete notato quanto sia attivo Satana. Io sono sempre con voi; e non
abbiate timore delle prove, poiché Dio veglia sempre su di voi. E io mi sono donata a voi, e vi sono vicina
anche nella più piccola prova. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


26 luglio: “Cari figli, anche oggi desidero invitarvi alla preghiera costante e alla penitenza. In particolare, la
gioventù di questa parrocchia sia più attiva nelle proprie preghiere. Grazie per aver risposto alla mia
chiamata”.


2 agosto: “Cari figli, oggi sono contenta e vi ringrazio delle preghiere. Nei prossimi giorni pregate ancora di
più per la conversione dei peccatori. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


11 agosto: “Cari figli, pregate, perché Satana persiste nel voler mandare a monte i miei progetti. Pregate
con il cuore, e nella preghiera offrite voi stessi a Gesù”.


14 agosto: La Madonna appare inaspettatamente al veggente Ivan, nella vigilia della solennità dell’Assunta,
e gli dice di trasmettere al popolo queste parole: “Vorrei che la gente in questi giorni preghi con me. E che
preghi il più possibile. Che inoltre digiuni il mercoledì e il venerdì. Che ogni giorno reciti almeno il Rosario: i
misteri gaudiosi, dolorosi e gloriosi”.


16 agosto: “Cari figli, vi prego, specialmente voi della parrocchia, di vivere i miei messaggi e di trasmetterli
agli altri, a chiunque incontrerete. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


23 agosto: “Pregate, pregate, pregate”. La veggente Marija dice che la Madonna ha inoltre raccomandato
alla gente, in particolare ai giovani, di esser disciplinati durante la santa Messa.


30 agosto: “Cari figli, anche la croce faceva parte del disegno di Dio, quando voi l’avete costruita.
Particolarmente in questi giorni recatevi sul monte (Krizevac) e pregate sotto la croce. Le vostre preghiere
mi sono necessarie. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


6 settembre: “Cari figli, senza preghiera non c’è pace. Perciò vi raccomando, cari figli, di pregare per la
pace davanti alla croce. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


13 settembre: “Cari figli, le vostre preghiere mi sono ancora necessarie. Voi vi chiedete: “Perché tante
preghiere?”. Guardatevi intorno, cari figli, e vedrete quanto è grande il peccato che domina su questa terra.
Perciò pregate perché Gesù trionfi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


20 settembre: “Cari figli, oggi vi invito a iniziare il digiuno con il cuore Vi sono molte persone che digiunano,
ma fanno questo perché lo fanno gli altri. È diventata un’abitudine che nessuno vorrebbe interrompere.
Chiedo alla parrocchia di digiunare in segno di ringraziamento, perché Dio mi ha permesso di rimanere così
a lungo in questa parrocchia. Cari figli, digiunate e pregate con il cuore. Grazie per aver risposto alla mia
chiamata”.


27 settembre: “Cari figli, mi avete aiutato con la vostra preghiera a realizzare i miei progetti. Continuate a
pregare, affinché questi progetti si realizzino pienamente. Chiedo alle famiglie della parrocchia di recitare il
Rosario in famiglia. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


4 ottobre: “Cari figli, oggi desidero dirvi che spesso mi fate gioire con la vostra preghiera, ma ci sono troppi,
anche qui in parrocchia, che non pregano, e il mio Cuore ne è rattristato. Perciò pregate, affinché io possa
presentare al Signore tutti i vostri sacrifici e le vostre preghiere. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


11 ottobre: Nei giorni precedenti c’erano state forti piogge, che avevano danneggiato i vigneti, e la
Madonna dice: “Cari figli, grazie perché offrite al Signore tutta la vostra fatica, anche ora che Lui vi prova nei
frutti che raccogliete. Sappiate, cari figli, che Lui vi ama, e per questo vi mette alla prova. Continuate a
offrire tutti i vostri sacrifici al Signore, e non vi preoccupate. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


18 ottobre: “Cari figli, oggi vi invito a leggere ogni giorno la Bibbia nelle vostre case. Collocatela in un luogo
ben visibile, in modo che sempre vi stimoli a leggerla e a pregare. Grazie per aver risposto alla mia
chiamata”.


25 ottobre: “Cari figli, pregate in questo mese. Dio mi concede ogni giorno di potervi aiutare con delle
grazie, per difendervi dal male. Questo è il mio mese. Io ve lo voglio donare. Voi pregate, soltanto, e Dio vi
concederà le grazie che cercate. Io vi aiuterò in questo. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


1 novembre: “Cari figli, oggi vi invito a rinnovare la preghiera nelle vostre case. I lavori nei campi sono
terminati. Ora dedicatevi alla preghiera. Che la preghiera passi al primo posto nelle vostre famiglie. Grazie
per aver risposto alla mia chiamata”.


8 novembre: “Cari figli, non vi rendete conto dei messaggi che Dio vi dà attraverso me. Lui vi concede
grazie, ma voi non capite. Pregate lo Spirito Santo perché vi illumini. Se sapeste quante grazie Dio vi
concede, preghereste senza interruzione. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


15 novembre: “Cari figli, voi siete un popolo eletto, e Dio vi ha concesso grazie. Non siete coscienti di ogni
messaggio che vi do. Ora desidero dirvi soltanto questo: pregate, pregate, pregate. Non so che cos’altro
dirvi, perché io vi amo e desidero che nella preghiera conosciate il mio amore e quello di Dio. Grazie per
aver risposto alla mia chiamata”.


22 novembre: “Cari figli, in questi giorni sforzatevi di vivere i messaggi principali e radicateli nel vostro
cuore fino a giovedì. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


29 novembre: “Cari figli, no, voi non sapete amare e non sapete ascoltare con amore le parole che io vi
rivolgo. Siate consapevoli, miei diletti, che io sono la vostra Mamma e che sono venuta sulla terra per
insegnarvi ad ascoltare (Dio) per amore, a pregare per amore e non perché spinti dalla croce che portate.
Attraverso la croce Dio viene glorificato da qualsiasi persona. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


6 dicembre: “Cari figli, in questi giorni (di Avvento) vi invito alla preghiera in famiglia. Io, a più riprese, vi ho
dato dei messaggi in nome di Dio, ma voi non mi avete ascoltato. Il prossimo Natale sarà per voi
indimenticabile, purché accogliate i messaggi che vi do. Cari figli, non permettete che quel giorno di gioia
diventi per me il giorno più triste. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


13 dicembre: “Cari figli, sapete che si avvicina il tempo della gioia (Natale), ma senza amore non
conseguirete nulla. Perciò, prima di tutto, iniziate ad amare la vostra famiglia, ad amarvi a vicenda nella
parrocchia, e dopo potrete amare e accogliere tutti coloro che vengono qui. Questa settimana sia per voi la
settimana in cui imparare ad amare. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


20 dicembre: “Cari figli, oggi vi invito a compiere qualcosa di concreto per Gesù Cristo. Desidero che ogni
famiglia della parrocchia, in segno di abbandono a Gesù, porti un fiore entro il giorno della gioia (Natale).
Desidero che ogni membro della famiglia abbia un fiore accanto al presepio, affinché Gesù possa venire e
vedere il vostro abbandono a Lui. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


27 dicembre: “Cari figli, nel corso di queste feste di Natale, Satana ha tentato in modo particolare di
intralciare i piani di Dio. Voi, cari figli, nel giorno stesso del Natale avete riconosciuto Satana. Ma Dio ha
vinto in tutti i vostri cuori. I vostri cuori continuino a vivere nella gioia. Grazie per aver risposto alla mia
chiamata”.